Articoli

    Buon viaggio

    Quasi un editoriale

    di Antonio La Monica

    Ho sognato di viaggiare. Di essere altrove, lontano dalle preoccupazioni di ogni giorno, quelle del lavoro, delle pagine da scrivere e di quelle ancora da correggere. Ho immaginato di volare velocissimo, più in alto del sole ed ancora più su, e segnare una grande distanza tra il mio corpo e la terra. Per lunghissimi istanti lontano da inutili discussioni, da Prodi e Berlusconi, dal Calcio e dallo sport truccato, dalla famiglia. Lontano persino da me stesso, perché il viaggio peggiore sarebbe proprio quello che si fa per trovare una buona compagnia e nel quale ci si trova magari in terre remote, ma sempre in compagnia di noi stessi. Perché il viaggio non è solo movimento nello spazio e nel tempo, ma deve essere anche mutamento. Magari un cambiamento di stile, di prospettiva, di modi di pensare o anche solo di vestire. Ecco perché questo mese parliamo del viaggio. Una realtà che è anche e soprattutto metafora. Insieme alla vita, tra le più utilizzate da sempre da poeti [...] [continua]





    Vacanza dall'uomo

    Una società al bivio tra egoismo lesionista e il bene che libera e unisce tutti

    di Loretta Dalola

    Sono passati 40 anni dalla legge sull'aborto, 40 anni da quella che chiudeva definitivamente i manicomi, troppi dagli anni delle lotte giovanili sociali e civili. Siamo andati in vacanza. Abbiamo detto addio all'uomo impegnato nella ricerca del miglioramento della vita comune. Addio alla capacità...

    Gioco di parole

    Racconto

    di Nick Neim

    Andrò in vacanza, andrò a divertirmi. Alla fine andrò in quel paese di mezza montagna che conosco bene, un borgo antico con attorno quattro case nuove. Vagherò per il borgo. Nel pronunziare la parola vagherò avverto come un senso di spaesamento, di sperdimento...




    Una vacanza allunga la vita (sportiva)

    Ovvero di quando i rugbisti del mondo australe non si fermavano mai e di quando adesso decidono di fermarsi per allungare la carriera

    di Meno Occhipinti

    Chi ha praticato sport a livello agonistico, non importa se di vertice o di base oppure semplicemente da seduto in poltrona davanti a uno schermo televisivo, sa che in un preciso momento dell'anno arriva il tempo della pausa. I campionati si fermano e i giocatori vanno in vacanza...

    Uno, due , tre… stella!

    Di noi, che giocavamo nei cortili

    di Laura Ciancio

    Trillo acuto della campanella: fine della scuola! La cartella, contenente il quaderno a righe e quello a quadretti la penna stilografica con la cartuccia l'astuccio con le matite colorate la carta assorbente la gomma il temperino e il sussidiario, può essere finalmente...



    Vacanza 2018

    Riflessioni

    di Patrizia Vindigni

    La chiave gira nella porta e ha un suono carico di promesse. È il momento di andare e di lasciare alle spalle i pensieri del quotidiano. Nel pesante borsone oltre ai vestiti sono disposti in disordine i sogni di cui vogliamo riempire i nostri giorni di vacanza...

    Le vacanze di prossimità nei nostri ricordi

    di Marinella Tumino

    IRicordo le estati della mia infanzia felice. Si andava al mare solo la domenica nel mese di luglio e in agosto durante le ferie di papà. Partivamo dalla casa in campagna dove trascorrevamo le vacanze estive con la nostra Fiat 127 verde bottiglia...











Fotorama / La vacanza

di Meno Baglieri




    Vacantuni

    Grandi uomini che però, in fondo ma nemmeno tanto in fondo, sono sciocchi

    di Saro Distefano

    Dalle mie parti si appella "vacanti", ma anche "bbacanti" che poi naturaliter diventano "vacantuni" e "bbacantuni" quel soggetto che altrove in Italia si direbbe …… come si direbbe…. "sciocco". Forse.

    Al dio mercato

    Sono i mercati e non gli elettori a stabilire il futuro della Repubblica italiana

    di Carlo Poerio

    Il mio primo pensiero, improvviso, è stato: sta franando ciò che resta delle fondamenta sociali, politiche e culturali che ancora tengono unito questo nostro Paese. Senza alternative all'attuale sistema, il nostro futuro sarà drammatico. Subito dopo un diffuso senso di...



Occhio Strabico / Ebbene sì, maledetto Juncker!

di Carlo Blangiforti







La novità editoriale di

Operaincerta Editore

    Il buio sotto l'orto
    L'ultimo libro di Carmelo Ferrera

     

    Il romanzo di Carmelo Ferrera narra, attraverso una lingua ora estremamente cruda, ora densa di rimandi e rievocazioni, il percorso di morte e rinascita, separazione e riconciliazione di un uomo di mezza età che vive in una grande città del nord. Il rapporto conflittuale con il padre, ambiguo con la madre, lo hanno costretto in giovane età ad andar via e separarsi dalla sua terra d’origine: la Sicilia. La natura conflittuale del rapporto con l’isola natia, madre sciatta, che lo ha rifiutato senza nessun tormento, fa da sfondo alla strategia che Giovanni (il protagonista) adotta per riappropriarsi del passato: liberare l’immaginazione al fine di (ri)generare ricordi nuovi.
    Il legame con l’Isola, dunque, non è mai stato interrotto: tra tortuosi percorsi reali e psicologici, riappropriazione dello spazio e del tempo dell’infanzia, con sullo sfondo il leitmotiv sonoro della zappa che permette all’uomo di attraversare il buio dell'oblio e accedere alla resurrezione degli affetti, Giovanni tenta di ricomporre la propria esistenza, il rapporto con la memoria dei propri genitori e con la natura di una Sicilia terra di terribile magia.

    Scheda


    img

Pagine : 168
Anno di pubblicazione: 2018
Isbn : 978-88-943464-0-4

Prezzo : 10 euro







Link Utili

    Italia Notizie

    Quotidiano di informazione

    Il segno che resta

    Media Communication

    CCP "Paulu Maura"

    Sito del Centro Culturale Permanente Paulu Maura di Mineo

    Operaincerta Editore

    Casa Editrice

    Le Fate

    Editore - Caffè Letterario

Pdf



Rubriche

  • Verde Chiaro

    Il nostos di Peppino

    di Aldo Adamo

    Le piante hanno tanto da raccontare, tessono fili più o meno invisibili con la nostra vita. Le piante, a saperle ascoltare, raccontano storie straordinarie. "Verde Chiaro" si ripropone di narrarle...
  • Versi Diversi

    Vuoto d'amore

    di Alda Merini

    Hanno scritto, hanno costruito colle parole il mondo che ci circonda, e quello che, se avremo un po’ di lungimiranza, lasceremo ai figli. I poeti! Non se ne potrà mai fare a meno...
  • Forse non tutti...

    Invasione?

    di Meno Occhipinti

    Forse non tutti sanno che... ci sono notizie che scivolano tra le righe come acqua attraverso le dita. Ascoltiamo, vediamo, senza quello sguardo straniato che ci permette di capire cosa ne è del Belpaese...
  • Altrocchio

    Donny & Kim

    di Carlo Blangiforti

    Ancora un modo differente per vedere la realtà attraverso la satira, immagini e vignette che vogliono raccontare, ancora una volta, ancora da un’altra visuale il mondo della politica...
  • Parole Sante

    Vacanze in motocicletta

    di Robert M. Pirsig

    Brevi aforismi di grandi donne e uomini di oggi e del passato che rappresentano meglio di mille parole, tra moto di spirito e facezie argute, il sentire più intimo di una intera umanità. Una sola parola può dire tantissime cose...
  • Così è (se vi pare)

    Libro da vacanza o vacanza dal libro?

    di Fabio Pinna

    L'intento è quello di approcciare la realtà letteraria contemporanea da un punto d’osservazione che considera l’esistenza della Verità assoluta, sempre e comunque, come dubbio generale e contemporaneamente verità personale.
  • Occhio Strabico

    Ebbene sì, maledetto Juncker!

    di Carlo Blangiforti

    Fotomontaggi, vignette irriverenti, che offrono uno sguardo divergente su un mondo che a tratti sembra seguire una logica assurda. Ma una risata, si spera, seppellirà tutto il marcio, o almeno uno ci prova...