Verde Chiaro

Le razze verdi

di Aldo Adamo

    img

    Carl von Linnè (Linneo)

 

Pare che il primo a dividere in gruppi gli animali e le piante sia stato Aristotele. Dopo il filosofo greco dovremo aspettare un bel po’ per avere un serio aggiornamento e precisamente più di 2000 anni. Sarà Carl von Linnè, per noi italiani Linneo, a fare una catalogazione estesa e precisa. [foto 1] Assegnerà alle piante due nomi: il genere e la specie. Se ci pensi non fa altro che dare il nome alle varie razze botaniche presenti nel mondo, lavoro enorme e fondamentale per ordinare lo sterminato numero di piante presenti sul pianeta. Anche questa volta, non mi stanco di ripetermi, le piante insegnano.   Loro non hanno usato la diversità per litigare, combattere, sopprimere. A differenza degli uomini – la cosiddetta razza superiore -   le piante non hanno cercato di sopprimere il diverso, anzi. Pensa per un attimo al grande servizio di depurazione che riesce a fare un pothos nella tua stanza da letto.

img

Pothos

Il pothos nella tua stanza – tu che appartieni ad una razza diversa dal pothos o scindapsus (se vogliamo usare il nome della sottofamiglia) -  disinfetta l’aria dalle sostanze nocive rilasciate dai tuoi mobili e dalle tue vernici che inquinano il tuo ambiente. E non è solo il pothos ma tante altre ancora che possono aiutarti a bonificare questi ambienti ricchi di essenze cattive.  Il giglio della pace, per esempio, oltre a disinfettare riesce anche a dare un tocco di colore con i suoi fiori bianchi e le sue foglie verde brillante. Il nome della sottofamiglia in questione è Spathiphyllum.  [foto 3] Spathiphyllum  e Pothos appartengono allo stesso genere, il genere delle Araceae. E sempre insieme riescono a convivere e a lavorare anche sottofamiglie diverse, razze diverse, o per meglio dire, lo preferiscono. Pothos, gigli della pace, aloe – per citarne solo tre – riescono a convivere e a lavorare nello stesso ambiente pulendolo dai veleni presenti. L’unico veleno che ancora non riescono a combattere è il veleno culturale, il veleno che alimenta l’uomo fino a farlo diventare stupidamente razzista, pericolosamente razzista: pensa a Mussolini e a Hitler… chissà, forse tutti e due non hanno saputo capire la lezione delle sorelle verdi, forse non si sono nemmeno accorti della loro presenza… e tu?

img

Spathiphyllum

 

Consigli Verdi

Nel Prato:   inizia le semine nelle zone costiere; concima con prodotti a lenta cessione per i prati situati nelle zone calde e per quelli destinati a forte utilizzo; rullatura; verifica l’impianto d'irrigazione; prenotati in tempo per l’aerazione meccanica.
Nel giardino:  inizia la messa a dimora dei bulbi a fioritura estiva (agapanthus, amaryllis, begonie, dalie, lilium, gladioli,  mughetto, tuberose, calle colorate, peonia, selaginella, etc., etc..); semina  la Celosia, il Coleus,  l'Impatiens, la Portulaca, la Salvia Splendens.  Pota gli arbusti che hanno terminato la fioritura invernale; sulle rose asporta i rami secchi e accorcia gli altri con taglio obliquo sopra una gemma rivolta verso l’esterno.
Le piante da interno:  a fine mese, con l’inizio della ripresa vegetativa, puoi dare il via ai rinvasi; utilizza vasi adeguati con terriccio selezionato senza dimenticare il giusto drenaggio; le piante iniziano ad avere fame, concimale…
Il Bonsai: a fine mese puoi dare il via ai rinvasi.
Nell’orto: semina il Cipollotto, Lattuga 4 stagioni, Peperone, Prezzemolo, Ravanello, Erba Cipollina, Salvia. Ricorda che sono disponibili anche le piantine ortive da trapiantare.
Nel frutteto:  trattamento anticrittogamico  e successivamente (se serve) olio bianco anticoccidico … e se vuoi saperne di più puoi sempre telefonarmi al 348.0180141 o scrivermi su aldo58.adamo@gmail.com
e all'ebraismo: l'attestato del sangue».