Un suono vintage

La Fender Stratocaster del 1954

di Patrizia Vindigni

    img

È un suono che dovrebbe essere vintage quello della Fender stratocaster del 1954 ma questa chitarra, frutto del genio di Leo Fender, è ancora oggi uno strumento musicale attualissimo e particolarmente amato.

Ha quasi le caratteristiche di un buon vino, al punto che esistono delle annate in cui il risultato produttivo è particolarmente apprezzato, dagli amatori più esigenti, per le caratteristiche tecniche e di costruzione. Sono gli anni precedenti al 1970 (antecedenti al periodo di cessione della casa Fender alla CBS) in quanto la produzione era ancora semi artigianale. Un altro periodo riguarda gli anni 1980 (81/83) perché furono gli anni in cui Dan Smith ne sovraintendeva la lavorazione, riuscendo in poco tempo a risalire il precipizio nel quale, le scelte solo commerciali della CBS, era precipitato l’interesse per il prezioso strumento. Il catalogo uscito nel 1981, dopo una drastica riduzione della produzione per ritrovare il senso dell’artigianato anni cinquanta, fu sicuramente uno dei più interessanti della Fender. Il gusto e l’amore per questa splendida chitarra ripresero un nuovo incredibile vigore.

Tornando un attimo al momento della sua nascita è necessario ricordare che Leo Fender, dopo aver dato già vita alla Telecaster, ideò e realizzò, con la collaborazione di Freddie Tavares, Rex Gallion e Bill Carson, questa chitarra senza cassa armonica, con tre pick up e una leva del vibrato. La chitarra si presentò con una nuova forma, con più tasti che permettevano, di raggiungere con facilità note più alte e con i pick up disposti in modo da rendere il suono ancora più pulito. Con la Strato si decise di dare anche una maggiore leggerezza alla chitarra, dandole vita con l’uso di ontano e frassino, eliminando elementi non essenziali.

Dall’introduzione di nuovi elementi tecnici, dalla ricerca di semplificazione e studio del suono, si arrivò, il 15 maggio 1954, alla produzione della prima Strato. Suonata da musicisti famosi, ascoltata in centinaia di concerti, la Strato impiegò davvero poco tempo a diventare uno degli strumenti musicali più desiderati nel tempo.

L’amore per la musica, per il suono, per le emozioni di un concerto, ha fatto si che, in alcune aste, l’offerta per l’acquisto di una Stratocaster storica, come quella di Eric Clapton, raggiungesse la cifra vertiginosa di 950.000 dollari. In quell’occasione fu lo stesso Eric Clapton a vendere la chitarra per devolvere la cifra ad una associazione d’aiuto per alcolisti e tossicodipendenti.

È una chitarra che conquista per i suoi suoni, con un bagaglio di leggenda che suscita emozioni in chi la sceglie, con le sue radici profondamente legate ad un mondo colorato di tanto blues e rock.

_____

Con la consulenza del maestro Luca Passafiume.