Verde Chiaro

C'è del marcio in Danimarca

di Aldo Adamo

    img

    Aspidistra

 

È una pianta vintage o retrò? È o non è? Strano, ma questa domanda mi ricorda qualcuno, qualcuno che vagava, appunto, per la Danimarca. Lì trovò anche del marcio. Non sappiamo se riuscì a trovare anche un’Aspidistra, vista la longevità che riesce ad avere questa pianta. Di sicuro c’era nel periodo vintage. Nelle case borghesi e nobiliari dell’epoca, dove si aveva il gusto e il tempo di pensare anche allo spirito, c’era sempre una pianta di Aspidistra, che nel ragusano era semplicemente chiamata “le foglie”.  E sono le foglie la parte predominante di questo cespuglio verde, foglie che hanno dato pure il nome scientifico. Guardata con attenzione, infatti, la foglia ricorda uno scudo, scudo che in greco si dice aspis: da qui il nome  Aspidistra.
Originaria dell’Oriente pare che possa vivere più di cento anni. Questa sua longevità mi fa credere che possa esistere ancora qualche Aspidistra vintage, se consideriamo come periodo inerente quello che va dal 1920 al 1980. Nel caso non sia possibile avere un’Aspidistra cinquantenne, puoi accontentarti di un’Aspidistra retrò. La troverai con facilità nei vivai e nei garden assortiti. È facilissima da coltivare. Ama i posti senza il sole diretto o con poca luce. Resiste bene alle escursioni termiche, dai -5° ai + 40° e sopporta anche periodi di siccità. Pertanto ti consente, se sei alle prime armi, di misurare la tua capacità agricola e di avere con facilità una signora verde da curare, una signora squisitamente retrò… buon lavoro verde…e attento ad Amleto…


Consigli del mese                        
Nel Prato: in questo mese, considerato che molti lavori di manutenzione andranno sospesi, puoi pensare alla revisione delle attrezzature: per il tosaerba si consiglia la revisione da un meccanico specializzato
Nel giardino: prepara le nuove aiuole vangando e incorporando concime; puoi impiantare rose, arbusti e piante da frutto a radice nuda.
Le piante da interno: attenzione agli eccessi d'acqua e agli sbalzi di temperatura.
Il Bonsai: con i i riscaldamenti accesi bisogna garantire al bonsai da interno  la giusta umidità  posizionandolo  su un sottovaso con materiale drenante bagnato (vedi akadama)

Nell’orto: semina Pisello e Fava; inizia a trapiantare la cipolla… e se vuoi saperne di più puoi sempre telefonarmi al 3480180141 o scrivermi su aldo58.adamo@gmail.com