Articoli

    Vintage

    Quasi un editoriale

    di Antonio La Monica

    Chi ancora non crede al potere delle parole dovrebbe soffermarsi solo pochi secondi su uno dei termini più diffusi oggi. "Vintage". Aggettivo francese che vuol dire più generalmente "vendemmia". Oggi la parola è usata per sottolineare la particolarità, l'unicità e il valore di qualsivoglia oggetto d'annata. Oggetto che, al pari di un buon vino ben vendemmiato, ha acquistato valore con il tempo.
    Un capo di abbigliamento che ha contraddistinto un'epoca. Un particolare pezzo d'arredo o quello che volete. Insomma, sarà la povertà dei tempi attuali, sarà che, come diceva Gaber, quando è moda è moda, ma oggi il "vintage" sembra aver preso il sopravvento.
    Alcuni segnali rivelatori: non costituisce più vergogna farsi vedere, persino nelle realtà più provinciali, presso i mercatini dell'usato. Gli stessi, prima appannaggio degli appassionati delle poche cose d'epoca che si chiamavano antiquariato, oggi appaiono frequentatissimi...[continua]

Loading



    Del doman non v’è certezza

    Siamo in piena campagna elettorale e se non fosse che in gioco c'è il nostro futuro, ci sarebbe di che ridere

    di Carlo Poerio

    Ancora non conosciamo la data in cui saremo chiamati alle urne per eleggere il nuovo Parlamento italiano e neanche se voteremo con la legge elettorale approvata recentemente "a colpi di fiducia". Però sappiamo di essere già in piena campagna elettorale. A chi la segue, non sarà...

    L'acqua in bollore

    Il vintage: un muoversi tra passato e presente con la complicità del motivo estetico

    di Vittore Collina

    Trovo che il vintage sia in perfetta sintonia con la dinamica delle cose di oggi. I mezzi che abbiamo a disposizione consentono una mobilità impensabile fino a qualche decennio fa sia sul piano fisico degli spazi che su quello meno fisico delle comunicazioni...




    Foto, mobili e carretti

    Le cose che hanno acquistato un valore per ciascuno di noi restano

    di Ciccio Schembari

    Vintage: una cosa che ha acquistato valore nel tempo e torna di moda. Le mode vanno e vengono. Ma le cose che hanno acquistato un valore per ciascuno di noi, quelle restano. Anche quando scompaiono, anche quando le abbandoni. Restano. Il tema di questo mese mi ha richiamato tre cose che hanno acquistato valore per me...

    Per mercatini andar

    Unire l’utile al dilettevole

    di Laura Ciancio

    Un grammofono a tromba, una macchina da scrivere “Continental” anni trenta, un pesante registratore di cassa primo novecento, poggiati sugli scaffali alti della frutteria di un paesino di campagna, accompagnati da una vecchia foto di famiglia in bianco e nero...










Fotorama / Piccole cose di buon gusto

di Meno Baglieri




    Tra foto e moto

    Il vintage è una moda e non si può spiegare

    di Saro Distefano

    Mi appassiona molto la moda del vintage in due settori. Distanti, ma non troppo, tra di loro. Le macchine fotografiche e le motociclette...

    Il rugby in bianco e nero

    Il vintage nello sport con la palla ovale

    di Meno Occhipinti

    Il rugby non è sempre stato quello che conosciamo oggi: dirette televisive in alta definizione, giocatori “statue greche”, abbigliamento e materiale tecnico ipertecnologico...

    Più Libri, Più Liberi

    Non è il libro, l’oggetto libro ad essere vintage ma la lettura

    di Martina Annibaldi

    Anche quest’anno, dal 6 al 10 Dicembre, si è tenuta a Roma la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria. Più Libri più Liberi, giunta ormai alla sua sedicesima edizione, ha accolto nella nuova location della Nuvola progettata...

    Il ritorno di Rita

    Storie

    di Nick Neim

    Capita a volte che, in uno stretto vicolo del vecchio borgo arroccato sul colle quale è il nostro cervello, s’intrufolino inattese figure, comparizioni che disserrano imposte e vetrate d’un cupo palazzo dove polvere e scorie s’erano depositate...

    Un suono vintage

    La Fender Stratocaster del 1954

    di Patrizia Vindigni

    È un suono che dovrebbe essere vintage quello della Fender Stratocaster del 1954 ma questa chitarra, frutto del genio di Leo Fender, è ancora oggi uno strumento musicale attualissimo e particolarmente amato...

    Ascoltare la musica con il walkman

    La funzione sociale del vintagista

    di Ester Procopio

    «Quando andavo alle superiori (liceo artistico nei primi anni 2000 n.d.r.) mi sono procurata un walkman per ascoltare la musica, perché mi piaceva così, il modo in cui si sentiva era diverso, ma sì, migliore in un certo senso»



L'altro occhio / Il nuovo Sisifo

di Carlo Blangiforti







Due novità editoriali a dicembre

Operaincerta Editore

    Ragusarugby - genesi di una passione
    L'ultimo libro di Meno Occhipinti

    Quest'anno, in questo 2017 denso di avvenimenti per lo sport ibleo, il rugby ragusano compie 50 anni. Mezzo secolo di un fenomeno sportivo e sociale che ha sempre coinvolto, entusiasmato ed apassionato un'intera comunità. Per ricordare a tutti i tifosi, gli sportivi, i curiosi e gli appassionati questa storia che è iniziata nel 1967, ci pensa un nuovo libro edito da Operaincerta: "Ragusarugby - genesi di una passione”. Il giornalista e scrittore Meno Occhipinti grazie ad un certosino lavoro di ricerca archivistica, di ricostruzione attraverso le testimonianze dei protagonisti d'allora, grazie al corposo apparato iconografico e ai resoconti giornalistici d'epoca, ricostruisce minuziosamente i primissimi anni del rugby ragusano...

    Prefazione di Gianni Papa


    Acquista

    img

Pagine : 100
Anno di pubblicazione: 2017
Isbn : 978-88-943004-1-3

Prezzo : 10 euro

    img

Pagine : 100 (Colore)
Anno di pubblicazione: 2017
Isbn : 978-88-943004-0-6

Prezzo : 15 euro

    Monumenti e memoria - Il cimitero di Ragusa Superiore, 1838-1948
    L'ultimo libro di Saro Distefano con le foto di Vito Campo

    "Seppure con notevole ritardo rispetto alla legge del 1817 che proibiva la sepoltura dei cadaveri nelle chiese, nel 1839 fu iniziata la costruzione del primo nucleo del cimitero di Ragusa in contrada “Costa Pollara”, seguito dalla costruzione, su progetto dell’ingegnere siracusano Salvatore Toscano, delle due strade che tuttora conducono ad esso: ciò avvenne negli anni immediatamente successivi al 1840 e dopo una estenuante diatriba in ordine al riutilizzo dei due siti (uno in contrada Delle Croci, alle spalle dell’attuale Ospedale Maria Paternò Arezzo e l’altro in contrada “Gazzelle” nei pressi dell’attuale Cappella della Madonna delle Grazie) che erano sorti in occasione del colera del 1837. Il camposanto ragusano venne realizzato osservando una precisa organizzazione interna al perimetro e con anche tre campi esterni al cimitero, destinati ai defunti appartenenti a religione diversa dalla cattolica, ai bambini morti senza il battesimo e agli impenitenti..."
    [dall'introduzione]

    Foto di Vito Campo

    Prefazione di Pippo Traina


    Acquista




Libri

    Tracce di Blues

    Riflessioni sulla musica del diavolo

    di Lorenzo Vecchiato

    Come bere bene

    Guida "sentimentale" al vino

    di Salvo Foti

    Opere Complete

    raccolta dei componimenti del poeta secentesco

    di Paolo Maura

    Quel treno per la Polonia

    Studenti ragusani "Sul treno della Memoria"

    di Marinella Tumino

    L'araldica impostura

    Raccolta di racconti

    di Saro Distefano

    Parole degli Iblei

    Riflessioni introndo a proverbi e detti ragusani

    di Autori Vari

    Tre per tre

    Nove racconti

    di Carlo Blangiforti, Saro Distefano e Vito Campo

    Quaderni Tanzani

    "Diario di viaggio" della Tanzania

    di Giuseppe Cusumano

    Urlano anche i topi

    La dimensione siberiana nell'esperienza di Cechov

    di Carlo Blangiforti

    Quattro racconti

    di Vito Campo













Link Utili

    Italia Notizie

    Quotidiano di informazione

    Cultagenda

    Eventi negli iblei

    CCP "Paulu Maura"

    Sito del Centro Culturale Permanente Paulu Maura di Mineo

    Il segno che resta

    Media Communication

    Le Fate

    Editore - Caffè Letterario

    Ragusa Rugby

    Sito della Squadra di Rugby

Pdf







Rubriche

  • Verde Chiaro

    C'è del marcio in Danimarca

    di Aldo Adamo

    Le piante hanno tanto da raccontare, tessono fili più o meno invisibili con la nostra vita. Le piante, a saperle ascoltare, raccontano storie straordinarie. "Verde Chiaro" si ripropone di narrarle...
  • Versi Diversi

    È una curiosa creatura il passato

    di Emily Dickinson

    Hanno scritto, hanno costruito colle parole il mondo che ci circonda, e quello che, se avremo un po’ di lungimiranza, lasceremo ai figli. I poeti! Non se ne potrà mai fare a meno...
  • Forse non tutti...

    Diseguaglianze

    di Meno Occhipinti

    Forse non tutti sanno che... ci sono notizie che scivolano tra le righe come acqua attraverso le dita. Ascoltiamo, vediamo, senza quello sguardo straniato che ci permette di capire cosa ne è del Belpaese...
  • Fotorama

    Piccole cose di buon gusto

    di Meno Baglieri

    Raccontare storie per immagini, una sorta di moderno lavoro da cantastorie che vuole restituire nel progredire delle immagini le sensazioni di chi quei fotogrammi ha saputo catturare...
  • Altrocchio

    Il nuovo Sisifo

    di Carlo Blangiforti

    Ancora un modo differente per vedere la realtà attraverso la satira, immagini e vignette che vogliono raccontare, ancora una volta, ancora da un’altra visuale il mondo della politica...
  • Parole Sante

    Il passato

    di Lucio Anneo Seneca

    Brevi aforismi di grandi donne e uomini di oggi e del passato che rappresentano meglio di mille parole, tra moto di spirito e facezie argute, il sentire più intimo di una intera umanità. Una sola parola può dire tantissime cose...
  • Occhio Strabico

    W i Bitcoin

    di Carlo Blangiforti

    Fotomontaggi, vignette irriverenti, che offrono uno sguardo divergente su un mondo che a tratti sembra seguire una logica assurda. Ma una risata, si spera, seppellirà tutto il marcio, o almeno uno ci prova...