Laura Ciancio

    img
  • Collaboratrice


    Laura Ciancio, di origini siciliane, è nata a Roma e vive e lavora a qualche decina di chilometri dalla città. Si è appassionata alla lettura fin dall’adolescenza, divorando i classici della libreria paterna. Inizia a lavorare a 20 anni per rendersi indipendente, prima nel settore privato poi dopo 6 anni nel pubblico. Da sempre ha subito la fascinazione delle parole scritte e nel 1988 ha frequentato, al Club Montevecchio di Roma, un corso di scrittura creativa condotto da Dacia Maraini, dalla quale ha imparato i primi rudimenti del racconto e la struttura della trama. Dopo un tormentato rapporto con la facoltà di Lingue e poi di Lettere all’Università la Sapienza, durato svariati anni, ha alla fine desistito. Per un breve periodo ha scritto articoli per Roma Rivista, pubblicazione uscita nei primi anni novanta. Ha ricevuto il premio Andromeda 1992 per la raccolta di poesie “Chiaroscuri”. Ha lavorato per molti anni presso la Biblioteca Riccardo Lombardi di Roma, ha conseguito il diploma di Formatore alla Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno, poi ha lavorato alla Scuola di Formazione dei Vigili del Fuoco e attualmente nel settore delle migrazioni. Si è diplomata insegnante di Yoga nel 1993 e da allora, oltre alle lezioni settimanali, ha condotto numerosi seminari di Hatha Yoga e Qi Gong, approfondendo lo studio delle scienze umane e la pratica della meditazione. Nel 2000 si è diplomata come operatrice in tecniche di massaggio terapeutico e connettivale. Ha scritto il libro Nonno Saro pubblicato ad aprile 2016 ed edito dalla casa editrice Jacobelli. A tempo perso (quindi raramente), disegna, dipinge acquarelli e si occupa di un piccolo orto-giardino, che i suoi cani tentano puntualmente di devastare.