Articoli

    L'evoluzione dell'Homo Faber

    Quasi un editoriale

    di Ciccio Schembari

    All’inizio dei tempi l’uomo, in posizione eretta, si nutre dei frutti raccolti e degli animali catturati colle proprie mani. Poi diventa homo faber, impara a trasformare i materiali naturali in oggetti utili a se stesso. Di un pezzo di legno ne fa un’arma per difendersi e per offendere o ne fa un tavolo per stare più comodo quando mangia. Insomma, impara a trasformare i materiali in "utensili". 
    Ci prende gusto e ne produce tanti, più del necessario e allora comincia a barattarli con le comunità confinati e gli utensili diventano "merci". Per facilitare gli scambi inventa il "denaro". L’equazione dello scambio è: Merce - Denaro – Merce. La comunità produce merci per l’uso, il di più lo cede in cambio di denaro, e con questo compra quelle merci d’uso che non produce. L’attenzione è sulla merce, sul suo valore d’uso. Il denaro è strumento. Se una merce non ha valore d’uso per una persona o per una comunità, non ha neanche valore in denaro... [continua]

Loading



    Dal sepolcro di un oscuro pescatore di Galilea alla reggia di una bimillenaria potenza mondiale

    di Maria Cristina Vecchiarelli

    "San Pietro!" sbotterebbe senza dubbio ogni romano a chiunque gli chiedesse "cosa ti viene in mente se ti dico fabbrica?", suggestionato com'è dall'espressione proverbiale più ascoltata e pronunciata nel corso della vita...

    All' "ebbica" della Torre Cabrera

    di Saro Distefano

    Nelle carte siciliane (quelle d’archivio, non quelle per i Tarocchi, passione inebriante del nostro Principe Blangiforti) del post-terremoto, i cantieri era quasi sempre definiti “fabbriche”...



    Il "Castello incantato" di Filippo Bentivegna a Sciacca

    di Ciccio Schembari

    Questo articolo è la trascrizione dell’intervento che ho fatto, nel luglio del 1973, al convegno, organizzato, a Caltagirone, da una scuola di psicoterapia, dal titolo "L’arte amara"...

    La natura, la preziosa tavolozza di Claude Monet

    di Laura Ciancio

    È luglio e la pioggia sottile non cessa di cadere. Si segue il letto della Senna a nord ovest di Parigi fino ad una profonda ansa del fiume…



    A noi della sinistra, conclusa questa fase, non resta che ricominciare

    di Carlo Poerio

    In sintesi accadde che i renziani, forti del sostegno dei gentiloniani, dei franceschiniani e degli orfiniani, stettero ad ascoltare con malcelata ironia i martiniani, i cuperliani, i lettiani, gli orlandiani, i bersaniani ed i dalemiani...

    Dj Fabo e il tema del suicidio nelle Operette morali leopardiane.

    di Ester Procopio

    Recentemente nelle cronache si è molto parlato di dj Fabo e della sua battaglia per l’autodeterminazione, per il diritto dell’uomo in condizioni di accanimento...










Occhio Strabico / Homo Pater

di Carlo Blangiforti




    Narrazioni

    di Nick Neim

    Era mattino. Camminava avanti, forse aveva dieci anni, al massimo undici; lo seguivano un bambino e una bambina...

    Lettore sei perplesso? Chi dorme non piglia sesso

    di Annalisa Ferraro

    “Homo faber fortunae suae”, l'uomo è l'artefice della propria sorte: questa illustre locuzione latina attribuita all'antico autore Appio Claudio Cieco...




Fotorama / Le mani sono vita

di Meno Baglieri




    Attorno alla statua di Filippo Pennavaria

    di Ciccio Schembari

    Nel ragionare attorno alla vicenda l'attenzione, più che sulla figura dell’onorevole Filippo Pennavaria, che c'è stato e c'è nella storia di Ragusa, va posta sull'azione del sindaco Arezzo e compagni...

    Il corpo nel sussidiario di una volta

    di Saro Distefano

    Un secolo fa, quando frequentavo la scuola elementare (adesso si chiama in altra maniera, così come nome ha cambiato anche la media e la superiore, e io non sono riuscito ad adeguarmi, pertanto, per me almeno, la elencazione è sempre asilo nido, materna...

    Riflessioni

    di Veronica Ferlito

    Siamo arrivati da una terra lontana ed abbiamo sognato un mondo diverso rispetto a quello da cui siamo partiti, era un viaggio per il quale i nostri genitori hanno...



L'altro occhio/ Sciaining de noandri

di Carlo Blangiforti




Libri

Per avere i libri si può scrivere a info@operaincerta.it

    Tracce di Blues

    Riflessioni sulla musica del diavolo

    di Lorenzo Vecchiato

    Come bere bene

    Guida "sentimentale" al vino

    di Salvo Foti

    Opere Complete

    raccolta dei componimenti del poeta secentesco

    di Paolo Maura

    Quel treno per la Polonia

    Studenti ragusani "Tul treno della Memoria"

    di Marinella Tumino

    L'araldica impostura

    Raccolta di racconti

    di Saro Distefano

    Parole degli Iblei

    Riflessioni intorno a proverbi e detti ragusani

    di Autori Vari

    Tre per tre

    Nove racconti

    di Carlo Blangiforti, Saro Distefano e Vito Campo

    Quaderni Tanzani

    "Diario di viaggio" della Tanzania

    di Giuseppe Cusumano

    Urlano anche i topi

    La dimensione siberiana nell'esperienza di Cechov

    di Carlo Blangiforti

    Quattro racconti

    di Vito Campo













Avvisi

    Quattro racconti

    di Vito Campo

    Vito Campo è autore ormai maturo, d’età e di mestiere. Non c’è traccia, in questo Quattro racconti, di influenze, se non della grande letteratura, italiana e forse anche nord-americana. Tracce, anche consistenti, di autobiografiche vicende. Talvolta sfumate, in qualche caso utilizzate solo quale spunto per poi sviluppare una vicenda lontana anni luce dalla vita e dalla persona di Vito Campo. Ne viene fuori, come da una camera oscura, un foglio lucido, di carta baritata, con tante trame, con tante possibilità. Vito Campo è scrittore, e noi suoi lettori, e, per privilegio, anche amici.

    Data di Pubblicazione: 2016
    ISBN: 9788890291593
    Pagine: 260





Link Utili

    Italia Notizie

    Quotidiano di informazione

    Cultagenda

    Eventi negli iblei

    CCP "Paulu Maura"

    Sito del Centro Culturale Permanente Paulu Maura di Mineo

    Il segno che resta

    Media Communication

    Le Fate

    Editore - Caffè Letterario

    Padua Rugby Ragusa

    Sito della Squadra di Rugby

Pdf







Rubriche

  • Verde Chiaro

    Il fiore delle operaie

    di Aldo Adamo

    Le piante hanno tanto da raccontare, tessono fili più o meno invisibili con la nostra vita. Le piante, a saperle ascoltare, raccontano storie straordinarie. "Verde Chiaro" si ripropone di narrarle...
  • Ex Libris

    I quaderni di Archestrato Calcentero

    di Carlo Blangiforti

    I libri raccontano molte storie, lo fanno certe volte anche meglio delle voci dei testimoni. Un libro è una cosa viva, che palpita di nuovo senso ogni qual volta lo si apre, lo si commenta...
  • Retrocopertina

    Due svizzeri e un genovese

    di Carlo Blangiforti

    Cosa si nasconde dietro una copertina? È pura facciata, apparenza, oppure si vuole raccontare una storia più complessa con il linguaggio semplice e diretto della grafica?.
  • La vita e tutto quanto

    Un anno faticoso

    di Francesco Zurzolo

    Quali che siano le grandi questioni dell'esistenza, misteriose le risposte; che si tratti di decriptare le imperscrutabili leggi dell'universo o le banali questioni pratiche, si può sempre contare sull'aiuto degli altri...

  • Non solo mio

    Il mio Cile

    di Veronica Ferlito

    Chiamiamo tutto quello che ci circonda “mio” ma se pensassimo che il mondo che ci circonda non rappresenta solo un bene privato, forse sostituiremmo l’aggettivo possessivo mio con uno più adatto...
  • Versi Diversi

    La potenza del pensiero muta il destino

    di Sivananda Saraswati

    Hanno scritto, hanno costruito colle parole il mondo che ci circonda, e quello che, se avremo un po’ di lungimiranza, lasceremo ai figli. I poeti! Non se ne potrà mai fare a meno...
  • Forse non tutti...

    Permit Player

    di Meno Occhipinti

    Forse non tutti sanno che... ci sono notizie che scivolano tra le righe come acqua attraverso le dita. Ascoltiamo, vediamo, senza quello sguardo straniato che ci permette di capire cosa ne è del Belpaese...
  • Fotorama

    Le mani sono vita

    di Meno Baglieri

    Raccontare storie per immagini, una sorta di moderno lavoro da cantastorie che vuole restituire nel progredire delle immagini le sensazioni di chi quei fotogrammi ha saputo catturare...
  • Altrocchio

    Sciaining de noandri

    di Carlo Blangiforti

    Ancora un modo differente per vedere la realtà attraverso la satira, immagini e vignette che vogliono raccontare, ancora una volta, ancora da un’altra visuale il mondo della politica...
  • Parole Sante

    L'uomo e il suo destino

    di Oriana Fallaci

    Brevi aforismi di grandi donne e uomini di oggi e del passato che rappresentano meglio di mille parole, tra moto di spirito e facezie argute, il sentire più intimo di una intera umanità. Una sola parola può dire tantissime cose...
  • A regola d'arte

    Tra mito e presente: quando l’arte si fa meditazione

    di Daniela Ferrara

    "Arte è scoprire nella realtà certi segni e rapporti, logicamente inspiegabili, ed evocarli comunicandoli; così che per mezzo di quelli il mondo reale ci si presenti" (Massimo Bontempelli)
  • Occhio Strabico

    Homo Pater

    di Carlo Blangiforti

    Fotomontaggi, vignette irriverenti, che offrono uno sguardo divergente su un mondo che a tratti sembra seguire una logica assurda. Ma una risata, si spera, seppellirà tutto il marcio, o almeno uno ci prova...