La bellezza in un attimo

Riflessioni

di Veronica Ferlito

img

Camminavo per le strade della vita e mi sono improvvisamente ritrovata tra le braccia della bellezza universale, una bellezza che nulla di materiale avrebbe mai potuto compararla.
Ai miei occhi era una forma eterea, qualcosa che si chiama bello perchè collimabile con il tuo modo di essere e di mirare i raggi di sole che ti vengono ogni giorno regalati dalla vita con romanticismo. Io credo che vedere qualcosa da lontano e riconoscerla tra la moltitudine di gente per giorni e giorni, settimane e settimane, mesi e mesi e poi lunghi, lunghissimi anni ... sia esclusivamente un segno che qualcosa di bello, presto, succederà. 
In quella forma di bellezza eterea, spumeggiante come le onde di un mare in tempesta, scalpitante come un gelido vento che annuncia il cambio della vecchia stagione, ansimante come un cuore al primo bacio ... io vidi te, te e solo te come una Venere di Botticelli al maschile, una forma perfetta che nessuna sostanza avrebbe mai retto il confronto.
Si, la bellezza sta negli occhi di chi la guarda, vediamo tutto quello che vogliamo mirare a distanza ma, riceviamo da cotanta bellezza e perfezione tutti i benefici che sono necessari a farci gioire attimi di reale frenesia e poi ... e poi ... e poi ... il vivere sta nel mirare quella sana bellezza per quanto più tempo sia possibile perchè il poi, nessuno lo conosce, come onde del mare in tempesta, il tutto è tramutabile in calma, quiete dopo la tempesta.