Voglia di libri

di Ciccio Schembari

Note a margine

Quando mi capita di entrare in una libreria, e mi capita spesso, e vedo tutti quei libri ammassati e anche, come capita nelle grandi librerie moderne, accatastati a terra, di tante forme e colori, mi assale, mi prende alla gola la stessa identica voglia che mi assale quando entro, e mi capita spesso, in una pasticceria, nelle grandi e belle pasticcerie, e vedo tutti quei pasticcini allineati e coperti, di tante forme e colori, mi assale e mi prende alla gola la voglia di mangiarli tutti, i pasticcini, di leggerli tutti i libri.
Per fortuna mi trattengo in pasticceria come in libreria e, alla morte sicura, preferisco la vita pur sempre in compagnia di qualche pasticcino e di qualche libro. Comunque, statisticamente, per i libri sono ben oltre la soglia di un libro al mese classificandomi tra il 4% dei cosiddetti "lettori forti". Ma anche per i pasticcini vado forte. Nella vita vanno accolte le cose dolci e piacevoli se non altro per equilibrare le cose amare e spiacevoli che quelle arrivano senza invito e permesso.