La Chiesa

di Antonio La Monica

Qualcosa è cambiato da quel giorno. Per la Chiesa cristiana cattolica ma non solo. Non sto parlando di quella sera di marzo in cui il Papa Francesco riusciva con una semplicissima parola a conquistare nel tempo di un lampo il cuore di milioni di persone. Mi riferisco a quello che potremmo definire l'antefatto: ovvero la scelta del papa Benedetto XVI di rinunciare a causa dell'età crescente al suo incarico. Non ho competenze tecniche e non conosco il linguaggio specifico per il tema in questione. Ma questa decisione, lungi dall'apparire il “gran rifiuto” evocato da Dante per papa Celestino V, mi sembrò subito un atto davvero rivoluzionario. E gli effetti lo dimostrano. L'apertura del soglio di Pietro per papa Francesco è la risposta finora più efficace, o almeno così mi pare, ad una crisi e ad una stanchezza più che decennale che appesantiva la vita di molti fedeli. Ma la Chiesa è tanto altro ancora. È la vita di migliaia di sacerdoti in prima linea per offrire solidarietà e preghiere, è la somma di edifici di culto talvolta di pregio incommensurabile e, altre volte, davvero improponibili per l'esercizio del sacro. [...]

continua a leggere »


Loading