CANZONI D’AUTORE/GIUGNO 2004
Le parole dei Mancuso
I testi di alcune canzoni

 

 

da CANTU

TIMIDI L’ISULI SU’
Doppu di tantu caminari / ti ricordi di mia tu / sugnu la pampina / caduta a lu to ramu / lu primu a chiuriri / e a muriri.
Vitti lu munnu / chi maraviglia! / Quarchi vota vitti / l’omu pirdutu / orbu l’accumpagnau / e persi strati, scurdau porti / la so sorti no.
D’ogni paisi / purtau n’cantu / mura caduti / a chiammi e chiatu / cu li so petri offisi fabbricau / la casa ranni unni scura / lu ma sentimentu.
Sugnu arrivatu / viu Messina / timidi l’isuli su’ / quannu s’ancontranu / nun parlanu / ma di silenziu n’silenziu / ’n cantu e n’chiantu tremanu.

TIMIDE SONO LE ISOLE
Dopo tanto camminare / ti ricordi di me? / Sono la foglia / caduta dal tuo ramo / il primo a fiorire / e a morire.
Ho visto il mondo / che meraviglia! / Qualche volta / ho visto l’uomo perduto / cieco lo ho accompagnato / perdendo strade, dimenticando porte / ma non la sua sorte.
Ho portato nel mio canto / le mura crollate / di ogni paese / con quelle pietre offese / ho fabbricato / la casa grande / dove vive il mio sentimento.
Sono arrivato / vedo Messina / timide sono le isole / quando s’incontrano / non parlano / ma di silenzio in silenzio / nel canto e nel pianto tremano.

 


DISÌU DI TIA
Oi mi liggiu ’na poesia / pirchì ’ncerti momenti si disìa / la manu strinciri all’amicu persu / tliari un arbiru e pruvari cunfortu / turnari vivu doppu ca s’ha statu mortu.
Turnari foglia chi trema ’cumpagnia / senza canusciti nun sapiri fari a menu di tia / ca semu suli, suli ni lu zuccu e ni lu chiuri / eppuru ancora capaci, lu matinu, di susiri e ghiri.
Disìu disìu disìu di tia / chi maraviglia / ni lu ma cori!

DESIDERIO DI TE
Oggi leggo una poesia / perché in certi momenti desidero / stringere la mano all’amico perduto / guardare un albero e provare conforto / tornare vivo dopo essere stato morto.
Tornare foglia che trema in compagnia / non poter far a meno di te senza neppure conoscerti / perché siamo soli, soli nel tronco e nel fiore / eppure ancora capaci, al mattino, di alzarci e andare.
Desiderio, desiderio desiderio di te / quanto stupore nel mio cuore!

DÉSIR DE TOI
Aujourd’hui je lis une poésie / parce que parfois je désire / prendre par la main un ami perdu / regarder un arbre et sentir du réconfort / revivre après avoir été mort.
Redevenir feuille qui tremble en compagnie / ne pas pouvoir me passer de toi sans même te connaître / parce que nous sommes seuls, seuls dans le tronc et dans la fleur / et pourtant encore capables, le matin, du nous lever et partir.
Désir, désir, désir de toi / que de stupenur dans mon coeur!

 


SULI SU’ L’URI
Medica forti / chista ferita / C’un po’ d’acitu, / c’un po’ di meli / cu l’occhi trasi / ni li ma vini / e beni sia / o dannazioni.
Apri si vo’ / anchi li porti a lu ’nfernu / ma tenimi / la manu mentri sprofunnu.
E salva almenu, / salva lu ma sentimentu / da chisti vampi / vampi vidi chi anti su’.
Si vo’ tempesta / mi fazzu ventu / si focu voi / cira chi squaglia / l’amuri abbruscia / dunni ca passa / a funnu scava / la so via / ed è duluri / e un forti struggimentu / è maraviglia / assai fragili armonia / rumpi catini.
Antichi, antichi li so magli, / stidda segreta / chi segretamenti spia.
U paradisu / chi s’invoca e nun veni / u paradisu / fattu d’oru e di peni.
Di visu a visu / si riluci e consuma / cu fina maestria / la cruna di scuma.
Quanto paroli / nun sa cchiù diri / né versi e canti / cchiù ricurdari.
S’apri la manu / cadinu chiuri / cadinu ’nterra / gemmi preziosi.
Eppuru un tempu / la to riti ammaistrata / cupria la terra / stritta, stritta mi tinìa, / la calamita / ’nfunnu a lu cori tirava / lu cchiù segretu, puro, intimu disìu.
Lu sguardu ch’era / tana d’amuri / ora è giacigliu / d’indifferenza.
Suli su’ l’uri / suli su’ muti / comu li cuti / dintra li chiumi.
Si m’alluntanu / tuttu è straniu e misterioso / si m’avvicinu / mai ti trovu, unni si’?
nill’ortu / la rosa di l’assenza crisci / la manu abbriscia / crudilmenti la ferisci.
Tu si’ la frevi / lu ma medicamentu / fruttu e radica si’ / di lu mè sentimentu / L’unicu mari / chi possu navegari, / l’unicu mari / unni possu annegari.

SOLE SONO LE ORE
Medica bene / questa ferita / con un po’ di aceto, / con un po’ di miele / con gli occhi entra / nelle mie vene / e sia il bene / o la dannazione.
Apri se vuoi / anche le porte dell’inferno / ma tienimi la mano / mentre sprofondo.
E salva ancora, / salva il mio sentimento / da queste fiamme, / queste alte fiamme.
Se vuoi tempesta / mi faccio vento / e se vuoi fuoco / cera che si squaglia / l’amore dove passa brucia / e a fondo scava / la sua via / ed è dolore / è un forte struggimento / è meraviglia / e fragile armonia / rompe catene.
Antiche, antiche le sue maglie / stella segreta / che segretamente spia.
Il paradiso / che invochiamo e non viene / il paradiso / fatto d’oro e di pene.
Da viso a viso / riluce e si consuma / con fine maestria / la corona di spuma.
Quante parole / non sai più dire / e versi e canti / più ricordare, / se apri la mano / cadono i fiori / cadono a terra / gemme preziose / eppure un tempo / la tua rete ammaestrata / la terra copriva / stretta e stretta mi teneva, / la calamita / dal fondo del cuore pescava / il più segreto, puro, intimo, desiderio.
Lo sguardo che fu un tempo / tana d’amore / ora è giaciglio / di indifferenza / sole sono adesso le ore, / sole e mute / come i sassi dentro i fiumi.
Se mi allontano / tutto è strano e misterioso, / se mi avvicino / non ti trovo, dove sei?
nell’orto / la rosa dell’assenza cresce / la mano brucia / e crudelmente la ferisce.
Tu sei la febbre / e il mio medicamento, / sei il frutto e la radice / del mio sentimento / L’unico mare / dove posso navigare, / l’unico mare / dove posso annegare.


 

da TRAZZERI

 

LU MUNNU BELLU
Ma quantu voti aiu sbattutu / l’ali a li mura / eppuru di vulari / ’un sugnu ancora stancu.
Immaginari / un munnu diversu / ’mezzu a sta fudda foddi / nun sentirmi persu / e novi canzuni / putiri cantari / e noci abbrazzi / pi scotiri lu cori / ch’è rosa ’ngresta / di lu munnu bellu / chi dintra di mia / alita e profuma.
Tienimi, accumpagnami / fino a quannu codda lu suli.
Lu munnu bellu / cu mai l’abitau?
Lu munnu cani / quantu voti mi muzicau!
Lu munnu chi sunnava carusu / ah quannu l’omini / ah quannu l’omini / mi parìa ca ’un murivanu mai!
E li fimmini aspittavanu all’ummira / ca mi facissi granni, / granni, beddu e sicuru.
Ah li fimmini / eranu d’ummira / eranu d’ummira / e di paradisu ’ncantatu.
Tienimi, accumpagnami / finu a quannu codda lu suli.

IL MONDO BELLO
Ma quante volte ho sbattuto / le ali contro il muro / eppure di volare / non sono ancora stanco.
Immaginare / un mondo diverso / in mezzo a questa pazza folla / non sentirmi perduto.
E nuove canzoni / poter cantare / e nuovi abbracci / per scuotere il cuore.
Ch’è rosa acerba / del mondo bello / ch’è dentro di me / alita e profuma.
Tienimi, accompagnami / fino a quando tramonta il sole.
Il mondo bello / chi mai lo ha abitato?
Il mondo cane / quante volte mi ha morso!
Il mondo che sognavo da bambino / Ah quando gli uomini, / ah quando gli uomini / credevo che non sarebbero mai morti!
E le donne aspettavano all’ombra / che mi facessi grande / grande, bello e sicuro.
Ah le donne / erano d’ombra / e di paradiso incantato.
Tienimi, accompagnami / fino a quando tramonta il sole.

 


CI SU’ MOMENTI
Ci su’ momenti / chi portanu ’ngrembu / firoci belvi chi addummisciuti stannu / sutta muntagni di tempesti e voschi / chi un ghiornu ad addumarisi vannu.
Ddu iornu allura / si ancora ci sugnu / m’ha fari vrazza di piscaturi / cu punzu fermu e denti di lupu / si addifennimi vogliu.
M’ha capitatu vidili arrivari / trasiri dintra caminannu muru muru / appiccicari finu a lu ma cori / ch’è ripustigliu di pirduti cosi, / di fazzuletti caduti aspittannu / tra li binari di tanti stazioni / e di tanti stiddi.
La luna s’ammuccia / e si nni va / darreri di ’na rondini / chi ’ncielu vulannu / nenti s’immagina.
E ’un servi a nenti / allura gridari / o ricurdari chi un ghiornu luntanu / vidisti navigari varchi d’oru / aviri ’na cumpagna allatu / o essiri sulu comu un desertu / ’mezzu di du mari.
Quannu arrivanu iettanu all’aria / perfinu ddu picca d’amuri / c’arriniscisti a accucchiari / cu pala e crivu e pacinzia / di vecchiu minaturi.
E a lu pazzu lu fannu carusu / a lu cuietu spata rabbiusa / a lu vecchiu ci ’mpunninu di iri / senza diricci comu turnari / e ’mpazzisci dintra ’na stanza / ammobiliata cu mali pinseri / cristalli rutti, rutti affetti / senza rimediu, senza rimediu.
La luna s’ammuccia / e si nni va / darreri di ’na rondini / chi ’ncielu vulannu / nenti s’immagina.

CI SONO MOMENTI
Ci sono momenti / che portano nel grembo / feroci belve addormentate / sotto montagne di tempeste e boschi / che un giorno / andranno in fiamme.
Quel giorno / se ci sarò ancora / dovrò farmi braccio di pescatore / con polso sicuro e denti di lupo / se vorrò difendermi.
Mi è capitato vederli arrivare / entrare in casa, camminare tra le pareti / arrampicarsi fino al mio cuore / ch’è ripostiglio di cose perdute / di fazzoletti caduti aspettando / tra i binari di tante stazioni / e di tante stelle.
La luna si nasconde / e se ne va / dietro una rondine / che nel cielo vola / e niente immagina.
Non serve a niente / allora gridare / o ricordare che un giorno lontano / hai visto navigare barche d’oro / avere accanto una compagna / o essere solo come un deserto / tra due mari.
Quando arrivano buttano in aria / perfino quel poco d’amore / che sei riuscito a risparmiare / con pala e setaccio e pazienza / di vecchio minatore.
E il pazzo diventa bambino / e il quieto spada rabbiosa / costringono il vecchio a partire / e non gli dicono come tornare / e impazzisci dentro una stanza / ammobiliata con cattivi pensieri / cristalli rotti, affetti spezzati / senza rimedio, senza rimedio.
La luna si nasconde / e se ne va / dietro una rondine / che nel cielo vola / e niente immagina.

 

leggi l’articolo
vai all’intervista
vai alla biografia

icona